Home Cartoni Dalla A Alla ZA Astroganga

Astroganga

by admin
1315 views

Astroganga nasce in Giappone prodotto dalla Knack Productions nel 1972 e viene trasmesso in Italia per la prima volta nel 1980 su Telemontecarlo.

La storia inizia con un disco volante che fa un’atterraggio di fortuna sul nostro pianeta. All’interno c’è una donna aliena con in mano una sfera misteriosa che viene soccorsa da un ragazzo. Al ragazzo spiega di essere scappata dal suo pianeta perché una razza di alieni sanguinari è riuscita ad impadronirsi del suo mondo.

I due si innamorano e dalla loro unione nasce Charlie. La pace dura poco sulla terra infatti il popolo invasore dei Blaster è arrivato anche da noi e cercherà con ogni mezzo di conquistare il nostro pianeta.

Il nonno di Charlie,come da istruzioni getta la sfera nella lava di un vulcano, generando così un robot diverso da tutti gli altri di cui abbiamo conoscenza, infatti Astroganga (questo è il nome del robot) è un essere senziente in grado di muoversi autonomamente ,di parlare,di avere paura,di combattere senza armi ma a mani nude. Nel frattempo i genitori di Charlie vengono raggiunti dai Blaster e uccisi.

La madre prima di morire dona al figlio un ciondolo grazie al qualche potrà chiamare ed entrare all’interno di Astroganga ogni qualvolta ce ne sarà bisogno.

Il bambino è utile ad Astroganga perché senza di lui il robot perderebbe il controllo in battaglia. Inizia così la classica battaglia dei buoni contro i cattivi senza esclusioni di colpi per la liberazione del mondo dai terribili Blaster che da canto loro useranno ogni sotterfugio per arrivare alla vittoria finale, come farsi scudo con dei bambini o imprigionando persone all’interno dei loro robot per impedire ad Astroganga di attaccare.

Il finale è alquanto inusuale e triste per un cartone animato di quegli anni ,infatti il fantastico robot riuscirà ad agnentare gli oppressori, ma sacrificando la sua stessa vita.

Se ti è piaciuta questa sigla ascolta anche: Astroboy

Astroganga su Amazon

Aggiungi ai Preferiti(0)
1 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x